Tele e burattini | che bel castello - filastrocche da toccare

Tele illustrate, burattini, filastrocche al Castello di Tabiano

Ospite del Festival delle Filastrocche da toccare, sabato 8 e domenica 9 luglio al Castello di Tabiano, per tutta la giornata, Alessandro Gigli - toscano -  con i suoi allestimenti e la sua esperienza trentennale, non propone spettacoli, bensì un programma teatrale di grande qualità che unisce i linguaggi e coinvolge i protagonisti.

Il "carillon a manovella" che conquista anche gli adulti

Tutti gli appuntamenti per bambini e famiglie in programma al Castello di Tabiano (Salsomaggiore Terme) sono ricchi di oggetti, curiosi, originali, introvabili: il valore evocativo del "carillon a manovella", il "cartellone coloratissimo", l'artista stesso, con marsina, bombetta in testa e bastone da passeggio, diventano attrezzi di scena per raccontare le più belle novelle toscane, coinvolgendo un pubblico variegato, dai bambini agli adulti.  

Un cantastorie italiano premiato nel mondo

Alessandro Gigli, cantastorie e musicista, suona l'organetto secondo la tradizione dei cantastorie girovaghi del secolo scorso e alterna la sua attività artistica a quella di scrittore per ragazzi: è stato premiato con la Sirena d'oro e ha portato la tradizione dei cantastorie italiani in giro per il mondo, con tournè anche in Cecoslovacchia, Polonia e Tunisia.

6 spettacoli al giorno nel Salone della Caccia, nel Castello

Le storie di Alessandro Gigli verranno ripetute per l'intera giornata nelle stanze interne del Castello, con 6 spettacoli giornalieri, sabato 8 luglio 2017 e domenica 9 luglio 2017, della durata di circa 20/30 minuti: l'ingresso è già compreso sia con il biglietto mattino che con il biglietto pomeridiano. E' vivamente consigliata la prenotazione on line. 

Gli spettacoli sono tutti al coperto, al riparo sia dalla pioggia che dal sole.

Feedback